Permessi retribuiti per consiglieri di parità

I lavoratori che rivestono il ruolo di consiglieri di parità hanno diritto di fruire i seguenti permessi retribuiti:

  • consiglieri nazionali e regionali: massimo 50 ore lavorative mensili medie;
  • consiglieri provinciali: massimo 30 ore lavorative mensili medie.

I lavoratori consiglieri di parità devono comunicare le assenze per iscritto al datore di lavoro almeno 3 giorni prima.

È possibile usufruire delle ore di permesso non utilizzate in un mese in quello successivo.

L'onere per le assenze dal lavoro dei consiglieri di parità regionali e provinciali, lavoratori dipendenti, è a carico rispettivamente dell'ente regionale e provinciale, i quali, su richiesta, sono tenuti a rimborsare al datore di lavoro quanto corrisposto per le ore di effettiva assenza.

Condividi questo articolo