Novità in tema di apprendistato I tipo per Metalmeccanica e Turismo

L’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione giovanile, il quale si configura un caposaldo del sistema duale che si basa sul modello di formazione professionale alternata fra scuola e lavoro, dove le istituzioni scolastiche e i datori di lavoro affiancano il giovane lavoratore nel suo percorso di formazione. 

Proprio su questo argomento, l’estate 2017, ha visto l’avvicendarsi di importanti novità nei CCNL Metalmeccanica e Turismo. 

Nello specifico, il contratto metalmeccanica industria, con l’accordo del 19 luglio 2017, al quale hanno aderito Federmeccanica e Assistal con Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil, ha rivisto la disciplina delle 3 tipologie di apprendistato ordinarie previste nel nostro ordinamento, introducendo importanti novità per l’apprendistato del I tipo

Questa tipologia contrattuale è dedicata ai giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni, che vogliono concludere il percorso formativo e iniziare il percorso lavorativo. Le novità apportate con il nuovo accordo, entrato in vigore dal 1° settembre 2017, riguardano gli aspetti relativi alla prestazione di lavoro e alla formazione svolta in azienda

In particolare, in riferimento alle disposizioni operative legate all’assunzione si è previsto che il periodo di prova è pari a 160 ore di presenza in azienda. Mentre, a livello retributivo, per le ore di formazione a carico dell’azienda è dovuto un compenso pari al 10% del minimo tabellare. Le ore di lavoro sono pagate in base a una percentuale prevista per la III categoria sulla base dell’anno scolastico (dal 55% al 70%). 

La durata del contratto è determinata in considerazione della qualifica o del diploma da conseguire e non può essere inferiore a 6 mesi e superiore a:

 

  • 3 anni per il conseguimento della qualifica di istruzione e formazione professionale;
  • 4 anni per il conseguimento del diploma di istruzione e formazione professionale;
  • 4 anni per il conseguimento del diploma di istruzione secondaria superiore;
  • 2 anni per la frequenza del corso annuale integrativo per l’ammissione all’esame di stato (articolo 15, comma 6, D.Lgs. 226/2005);
  • 1 anno per il conseguimento del diploma di istruzione e formazione professionale per coloro che sono in possesso della qualifica di istruzione e formazione professionale nell’ambito dell’indirizzo professionale corrispondente;
  • 1 anno per il conseguimento del certificato di specializzazione tecnica superiore.

Il contratto di apprendistato può essere prorogato fino ad un anno, occorre ricordare che l’apprendistato si configura come un contratto a tempo indeterminato, pertanto qualora il datore di lavoro non volesse continuare il rapporto alla scadenza deve comunicarlo anticipatamente altrimenti il contratto prosegue. 

Infine, l’apprendistato di primo livello può essere abbinato ad un contratto di apprendistato professionalizzante la cui durata sarà ridotta di 12 mesi rispetto alla durata ordinaria

Mentre, il contratto del turismo, con l’accordo del 1° agosto 2017, al quale hanno aderito Federalberghi e Faita, con l'assistenza di Confcommercio con Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil ad esclusione di Fipe, Fiavet e Federreti, hanno sottoscritto la disciplina per l’apprendistato di I  livello per la qualifica e il diploma professionale e l’apprendistato di III livello. 

Pertanto, la retribuzione prevista per le ore di formazione eccedenti il piano curriculare è fissata in misura percentuale rispetto a quella spettante ai qualificati di pari livello:

  • Primo anno: 50%
  • Secondo anno:50%
  • Terzo anno: 65%
  • Quarto anno eventuale: 70%

Qualora, l’apprendistato di primo livello venga trasformato in un apprendistato professionalizzante successivamente al conseguimento della qualifica o del diploma, la durata complessiva massima dei due periodi di apprendistato non può eccedere quella dell’apprendistato professionalizzante prevista dal CCnl del 18 gennaio 2014.

Condividi questo articolo