Scelta del regime dei minimi in fase di dichiarazione di inizio attività

L’Agenzia delle Entrate - con un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito istituzionale - ha chiarito che l’accesso al nuovo regime dei minimi, introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, avviene direttamente su richiesta di dichiarazione di inizio attività.

Per usufruire del nuovo regime occorre barrare la casella per l’adesione al precedente “Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, previsto dall’art 27, commi 1 e 2 del Dl n. 98/2011”, ossia il precedente regime dei minimi, fino all’approvazione e pubblicazione del modello aggiornato della dichiarazione di inizio attività.

Il nuovo regime, dal 1 gennaio 2015, si applica ai titolari di Partita Iva con ricavi o compensi tra 15 mila e 40 mila euro.

Prevista un’imposta unica (che sostituisce l’Irpef, le addizionali regionali e comunali e l’Irap), con aliquota fissa del 15% sul reddito imponibile determinato forfettariamente sulla base dei ricavi o dei compensi.

Condividi questo articolo