Adempimenti del lavoratore

Domanda

Per ottenere il pagamento dell'assegno in esame, il lavoratore deve presentare domanda, utilizzando l'apposita modulistica predisposta dall'Inps. Insieme alla domanda vanno presentati sia il certificato di stato di famiglia sia i documenti di volta in volta necessari, espressamente indicati nel modulo. La domanda deve essere presentata: 

  • al datore di lavoro, nel caso in cui il richiedente svolga attività lavorativa dipendente;
  • direttamente all'Inps,nel caso in cui il richiedente sia addetto ai servizi domestici, operaio agricolo dipendente a tempo determinato, lavoratore iscritto alla gestione separata, ovvero abbia diritto agli assegni come beneficiario di altre prestazioni previdenziali.
Qualsiasi variazione intervenuta nel reddito e/o nella composizione del nucleo familiare, durante il periodo di richiesta dell' ANF, deve essere comunicata entro 30 giorni.

Autorizzazioni

La domanda di assegno per il nucleo familiare deve essere autorizzata dall'Inps, previo richiesta all'Istituto tramite apposita modulistica, nel caso in cui il richiedente abbia incluso nel nucleo familiare:
  • figli ed equiparati di coniugi legalmente separati o divorziati, o in stato di abbandono;
  • figli naturali propri o del coniuge, riconosciuti da entrambi i genitori;
  • figli del coniuge nati da precedente matrimonio;
  • fratelli sorelle e nipoti orfani di entrambi i genitori e non aventi diritto a pensione di reversibilità;
  • nipoti in linea retta a carico dell'ascendente (nonno/a);
    familiari minorenni incapaci di compiere gli atti propri della loro età (se non sono non sono in possesso di documenti attestanti il diritto all'indennità di accompagnamento ex lege n. 18 del 1980 o ex artt. 2 e 17 ex lege n. 118 del 1871 o di frequenza ex lege n. 289 del 1990);
  • familiari maggiorenni inabili (se non sono in possesso di documenti attestanti l'inabilità al 100%);
  • minori in accasamento eterofamiliare;
  • familiari di cittadino italiano, comunitario, straniero di stato convenzionato, che siano residenti all'estero;
  • figli ed equiparati, studenti o apprendisti, di età superiore ai 18 anni compiuti ed inferiore ai 21 anni compiuti, purché facenti parte di "nuclei numerosi", cioè nuclei familiari con almeno 4 figli tutti di età inferiore ai 26 anni.



Condividi questo articolo