- Adempimenti e procedure - Istruzioni operative

Comunicazione di assunzione

L'INPS ha precisato che l'assunzione di lavoratori beneficiari di ammortizzatori in deroga deve essere comunicata dal datore di lavoro ai servizi provinciali competenti con il modello telematico UniLav con le seguenti modalità:

ü il campo "Ente previdenziale" va compilato con la dicitura "INPS";

ü il campo "Codice Ente Previdenziale" va compilato con la matricola aziendale INPS; se al momento della comunicazione di assunzione l'azienda non sia ancora in possesso della matricola INPS o ne sia stata omessa l'indicazione, deve essere inviata la rettifica della comunicazione originaria per integrarla con il numero di matricola mancante;

ü non deve essere compilato il campo "Codice agevolazioni".

Dichiarazione di responsabilità del datore di lavoro

Entro il mese successivo a quello di decorrenza dell'assunzione, il datore di lavoro deve inoltrare, esclusivamente in via telematica, una dichiarazione di responsabilità, accedendo ai servizi per le aziende e i consulenti/ dichiarazione di responsabilità del contribuentewww.inps.it/servizi on line del sito .

Per le assunzioni già effettuate prima che l'INPS emanasse le istruzioni, la dichiarazione potrà essere inoltrata entro il mese di febbraio 2010.

La dichiarazione di responsabilità deve contenere le seguenti informazioni:

1.     codice fiscale del lavoratore assunto;

2.     codice univoco del modello UniLav trasmesso alla Provincia;

3.     le attestazioni che:

-         l'assunzione non deriva da un obbligo preesistente (diritto di precedenza);

-         tra l'impresa che assume e quella di provenienza, non vi è sostanziale coincidenza degli assetti proprietari né intercorrono rapporti di collegamento o controllo;

-         l'azienda non ha in atto sospensioni dal lavoro per crisi aziendale, ristrutturazione, riorganizzazione, riconversione aziendale con richiesta o concessione dei trattamenti di CIGS o disoccupazione; qualora fossero in atto tali sospensioni, che riguardino personale con qualifiche diverse da quelle dei lavoratori per cui si richiede l'incentivo;

-         l'azienda non ha effettuato riduzioni di personale nei 6 mesi precedenti; qualora fossero state effettuate tali riduzioni, che riguardino personale con qualifiche diverse da quelle dei lavoratori per cui si richiede l'incentivo.

Al termine dell'istruttoria della pratica, l'INPS individuerà l'importo massimo dell'incentivo spettante per mese, la durata, la Regione su cui far eventualmente gravare parte dell'onere finanziario, il decreto di concessione dell'ammortizzatore sociale e inoltrerà al datore di lavoro apposita comunicazione dell'ammissione o della non ammissione al beneficio richiesto.

Codifica aziendale

È importante segnalare che la dichiarazione vale anche come richiesta all'INPS di attribuzione del codice autorizzazione che dovrà essere indicato nelle denunce contributive dell'azienda per fruire del beneficio.

Il codice di autorizzazione che identifica la posizione contributiva del datore di lavoro ammesso al beneficio è "3Q" con il significato di "azienda ammessa al beneficio di cui all'art. 7ter, co. 7 del decreto legge 5/2009". Tale codice dovrà essere indicato per tutto il periodo di spettanza del beneficio.

Nei casi in cui l'ammissione al beneficio venga comunicata una volta decorso già il periodo di spettanza, il codice di autorizzazione sarà attribuito per il periodo necessario all'azienda per il conguaglio.

Flusso Uniemens

In merito alle modalità di composizione dei nuovi flussi Uniemens per il conguaglio dell'incentivo, l'INPS fa riserva di pubblicare le specifiche istruzioni.

Condividi questo articolo