Corrispondenza tra interventi a sostegno del reddito e servizi di politiche attive del

Come per l'anno scorso ci sarà una specifica intesa tra la Regione e le Parti sociali avente ad oggetto la corrispondenza tra interventi a sostegno del reddito e servizi di politiche attive del lavoro, secondo le seguenti modalità.

Per la CIGD: è prevista l'attivazione obbligatoria di politiche attive del lavoro per la formazione e/o riqualificazione, o per la ricollocazione in caso di eccedenze di personale. Tutti i lavoratori, entro 15 giorni dall'inizio della prima sospensione, devono adempiere a questo obbligo. A riguardo il datore di lavoro comunica tempestivamente ai dipendenti in CIGD le opportunità e gli obblighi relativi alla frequenza di percorsi di politiche attive del lavoro, secondo le modalità indicate nell'allegato 3 dell'Accordo 2013.

Per la mobilità in deroga: è prevista l'attivazione obbligatoria di politiche attive del lavoro finalizzate alla ricollocazione. Quest'obbligo deve essere adempiuto entro 15 giorni dall'inoltro all'INPS della domanda di indennità.

Per tutti i beneficiari di ammortizzatori sociali in deroga nei confronti dei lavoratori, che non adempiono agli obblighi di cui sopra, verranno applicate le sanzioni previste dalla normativa vigente.
domanda

Condividi questo articolo