GLI INCENTIVI ALL’ASSUNZIONE DI LAVORATORI DESTINATARI DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA

Le aziende che negli anni 2009 e 2010 assumono lavoratori beneficiari di ammortizzatori sociali in deroga (cassa integrazione guadagni in deroga, indennità di mobilità in deroga e i trattamenti di disoccupazione speciale edile in deroga), che siano stati licenziati o sospesi per cessazione totale o parziale dell'attività aziendale o - secondo quanto specificamente indicato nella presente Circolare dall'INPS, al solo fine, è da ritenere, di ampliare la platea dei beneficiari - da imprese interessate da procedure concorsuali non rientranti nella Legge n. 223/1991, possono beneficiare di un incentivo. In caso di riduzioni di orario l'incentivo dell'INPS non può essere concesso.

L'incentivo spetta per le assunzioni effettuate dal 12 aprile 2009 ed è pari all'indennità spettante al lavoratore per le mensilità non erogate dall'INPS, al netto del contributo del 5,84% e della relativa contribuzione figurativa, nei limiti di spesa stanziati.

Il datore di lavoro recupera il beneficio ad ogni mensilità di retribuzione, esclusivamente in costanza del rapporto di lavoro e per i periodi di effettiva erogazione della retribuzione, mediante conguaglio con i contributi dovuti dal datore di lavoro. L'importo mensile dell'incentivo non può comunque essere superiore all'importo della retribuzione mensile erogata al lavoratore interessato.

In caso di cessazione del rapporto di lavoro, se residua un periodo di fruizione dell'ammortizzatore sociale in deroga, le mensilità rimanenti possono essere erogate al lavoratore direttamente dall'INPS.

L'incentivo è cumulabile con altre agevolazioni contributive previste per la tipologia di assunzione effettuata (es. lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo da aziende che occupano fino a 15 dipendenti iscritti, a domanda, nelle liste della cd. piccola mobilità senza diritto all'indennità di mobilità, apprendistato, contratti di inserimento ecc.).

Condividi questo articolo