La formazione: competenze, ore e luoghi della formazione

Riguardo i contenuti della formazione, per competenze di base si indica l'insieme delle conoscenze che consentono l'accesso al lavoro e alle professioni, per competenze trasversali si intende l'insieme di competenze relazionali e comunicative atte a un efficace comportamento lavorativo.

Le materie di studio previste dalle linee guida concernono la sicurezza sul lavoro, che costituisce credito formativo permanente; l'organizzazione e la qualità aziendale; la relazione e comunicazione nell'ambito lavorativo; la legislazione del lavoro e la contrattazione collettiva; la competenza digitale.

Per l'intero periodo di apprendistato, la durata della formazione viene stabilita unicamente in base al titolo di studio posseduto dall'apprendista al momento dell'assunzione:

Il monte ore totale è pertanto il seguente:
-120 ore per gli apprendisti privi di titolo, in possesso di licenza elementare e/o della sola licenza di scuola secondaria di I grado;
-80 ore, per gli apprendisti in possesso di diploma di scuola secondaria di II grado o di qualifica o diploma di istruzione e formazione professionale;
-40 ore, per gli apprendisti in possesso di laurea o titolo almeno equivalente.

Tali   durate possono essere ridotte per gli apprendisti che abbiano già completato, in precedenti rapporti di apprendistato, uno o più moduli formativi e la  riduzione oraria del percorso coincide con la durata dei moduli già completati.

Riguardo le modalità della formazione sono necessari ambienti adeguatamente organizzati ed attrezzati. Detti luoghi devono essere distinti da quelli normalmente destinati alla produzione di beni e servizi. La formazione può realizzarsi anche a distanza con modalità e-learning. Saranno necessarie le disposizioni delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano.

Oltre il requisito di luoghi idonei, altro requisito per essere soggetto formativo è la disponibilità di  risorse umane con adeguate capacità e competenze.

La formazione  si deve realizzare nella fase iniziale del contratto di apprendistato e deve prevedere modalità di verifica degli apprendimenti.

Le imprese che non si avvalgono dell'offerta formativa pubblica, per erogare direttamente la formazione finalizzata all'acquisizione delle competenze di base e trasversali, devono disporre di "standard minimi" necessari per esercitare le funzioni di soggetto formativo.

Condividi questo articolo