Diritto di precedenza

Il diritto di precedenzaconsiste nella possibilità per i lavoratori che hanno prestato attività lavorativa con contratto a tempo determinato, di essere preferiti ad altri lavoratori nel caso l’azienda proceda a nuove assunzioni a tempo indeterminato. 

Come previsto dall’art. 5 del D.Lgs. 368/2001 e poi confermato dall’art.24 del D.Lgs 81/2015 il datore di lavoro è obbligato a richiamare tutti i diritti di precedenza nel contratto di lavoro. 

La mancata informativa sui diritti di precedenza non incide sulla possibilità che il lavoratore possa comunque esercitarli, né appare specificatamente sanzionata. 

Il lavoratore che ha   prestato   attività lavorativa per un periodo superiore a sei  mesi  ha  diritto  di 

precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal datore di lavoro entro i successivi dodici mesi con riferimento  alle mansioni gia' espletate in esecuzione dei rapporti a termine. 

La manifestazione di volontà produce effetto solo quando è conosciuta dal datore. 

Per quanto riguarda illavoro a termine non stagionale (art. 5, comma 4-quater, e successivamente prevista dall’art.21, commi 3 e 4, D.Lgs 81/2015): il lavoratore che, presso la stessa azienda, abbia prestato attività lavorativa per un periodo superiore a sei mesi, ha diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato entro i successivi dodici mesi con riferimento alle mansioni già espletate in esecuzione dei rapporti a termine. 

Tali regole sono applicabili in assenza di diverse regole fissate dai contratti collettivi di qualsiasi livello. 

I periodi di astensione obbligatoria per le lavoratrici in congedo di maternitàdevono computarsi per la maturazione del diritto di precedenza.  

Le medesime lavoratrici avranno diritto di precedenza anche nelle assunzioni a termine per le stesse mansioni che avvengano nei 12 mesi successivi alla conclusione del loro contratto. Il diritto di precedenza vale anche per le successive assunzioni a termine stagionali. 

I lavoratori assunti a termine per lo svolgimento di attività stagionali hanno diritto di precedenza, senza che sia necessariamente soddisfatto il requisito del possesso di almeno 6 mesi di anzianità aziendale; il diritto di precedenza si applica solo se le nuove assunzioni a termine riguardano le medesime attività stagionali. 

Il diritto di precedenza si estingue entro un anno dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. 

 

Condividi questo articolo