Visita medica di controllo

La visita medica di controllo è lo strumento attraverso cui il datore di lavoro è legittimato ad accertare l'effettività dello stato morboso del lavoratore.

Il datore di lavoro deve fare richiesta di visita medica di controllo ai servizi ispettivi degli istituti previdenziali che, a loro volta, incaricano i medici dei servizi sanitari indicati dalle regioni ovvero iscritti nelle liste speciali tenute dall'INPS.

La richiesta della visita medica deve essere indirizzata alla sede INPS sita nella circoscrizione in cui è domiciliato il lavoratore ammalato di cui si richiede il controllo.

La visita medica può essere richiesta dal primo giorno di assenza del lavoratore e deve essere eseguita dal medico incaricato non oltre la giornata successiva.

Dal canto suo, il lavoratore ha l'obbligo di essere reperibile all'indirizzo indicato dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, comprese le domeniche e i festivi.
La giurisprudenza ha sottolineato che la violazione di tale obbligo da parte del lavoratore può costituire giusta causa di licenziamento, in particolar modo se la sua condotta infranga il principio di correttezza e buona fede.

Il medico è tenuto a comunicare l'esito della visita medica di controllo all'INPS che poi informa il datore di lavoro.

Condividi questo articolo