Dimissioni della lavoratrice

La lavoratrice in maternità può presentare le proprie dimissioni dal posto di lavoro occupato senza essere obbligata ad alcun preavviso.

Queste, rassegnate all'inizio della gravidanza o entro il compimento del primo anno di età del figlio, devono essere obbligatoriamente convalidate dal servizio ispettivo del Ministero del Lavoro competente per territorio al fine di accertare la reale volontà della lavoratrice.

La lavoratrice in gravidanza che rassegna le proprie dimissioni gode dell'indennità di disoccupazione, a meno che non abbia diritto al pagamento del congedo di maternità caso per cui le spetta l'indennità sostitutiva del preavviso.

Condividi questo articolo