Riposi giornalieri

I riposi giornalieri, cd. "permessi per l'allattamento", sono previsti dalla norma al fine di permettere la cura dei figli nella fase primaria della loro vita.

Sono concessi alla madre durante il primo anno di vita del bambino nella misura di 2 ore di riposo al giorno, anche cumulabili.
La madre può utilizzare i riposi giornalieri anche durante il congedo parentale del padre.

I riposi giornalieri sono previsti anche per il padre, ma solo al verificarsi di alcune condizioni:

  • madre deceduta o gravemente malata;
  • figlio affidato esclusivamente al padre;
  • in alternativa alla madre che non se ne avvalga;
  • qualora la madre non sia lavoratrice dipendente.

Il padre non può usufruire dei riposi giornalieri durante i congedi di maternità e parentale della mamma.

I riposi si riducono ad 1 ora quando:

  • l'orario giornaliero è inferiore a 6 ore;
  • la lavoratrice utilizza l'asilo nido o altra struttura istituita dal datore di lavoro nell'unità produttiva.

Ai lavoratori che fruiscono di  riposi giornalieri spetta un'indennità economica a carico dell'INPS, facendo riferimento alla retribuzione del periodo di paga nel quale si effettuano i riposi.

Condividi questo articolo