Ammortizzatori Covid – differimento termini di presentazione istanze e flussi SR41

Il messaggio INPS n. 2310 del 16 giugno 2021 ha fatto luce sul differimento dei termini decadenziali per la presentazione delle istanze di accesso agli ammortizzatori sociali con causale Covid 19 e dei relativi flussi SR41.

Il messaggio riprende quanto previsto dalla legge di conversione del Decreto sostegni (DL 41/2021, articolo 8, comma 3-bis), il quale ha disposto il differimento dei termini già decaduti legati alla presentazione di domande di accesso ai trattamenti di integrazione salariale collegati all’emergenza Covid.

In particolare, i datori di lavoro hanno tempo fino al 30 giugno 2021 per presentare domanda di accesso a CIGO, FIS e CIGD con causale Covid e per inviare i flussi SR41 ove il termine iniziale di decadenza per tali adempimenti sia scaduto nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 31 marzo 2021.

Possono dunque beneficiare della moratoria in argomento le domande di trattamenti connessi all'emergenza epidemiologica da Covid-19 riferite ai periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa con inizio nei mesi di dicembre 2020, gennaio 2021 e febbraio 2021, nonché le domande plurimensili con inizio dell’evento di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa collocato nei suddetti mesi che si estende a quelli successivi.

Con riferimento all’invio dei flussi telematici per il pagamento delle spettanze ai lavoratori destinatari degli ammortizzatori Covid, invece, la moratoria riguarda i flussi relativi a eventi conclusi a dicembre 2020, gennaio 2021 e febbraio 2021, nonché relativi a periodi le cui autorizzazioni siano state notificate all’azienda nel periodo dal 2 dicembre 2020 al 1° marzo 2021.

Condividi questo articolo