Ammortizzatori sociali Covid 19: le Faq dell'Inps

Il 18 giugno l’INPS, con messaggio n. 2504,  ha pubblicato alcune FAQ per fornire chiarimenti normativi e procedurali  sugli ammortizzatori sociali COVID 19.

Indichiamo di seguito le FAQ pubblicate, cercando di far chiarezza per i vari quesiti :

​​​​​​​Quesito: Dove trovare la funzione di “invio domande fondi di solidarietà” nel sito INPS?

Risposta: Bisognerà entrare nel sito www.inps.it , inserire nel campo “cerca” la locuzione  “assegno ordinario”.

Fare accesso con codice fiscale e PIN – e accedere alla procedura “CIG e Fondi”.

Poi scegliere la funzione “Invio domande fondi di solidarietà”.

Quesito: Quali allegati bisogna inserire in una domanda di assegno ordinario per COVID 19?

Risposta: Ad ogni domanda deve essere allegato un file contenente i dati dei beneficiari ai quali è destinata la prestazione in capo all’UP indicata nella domanda.

Scegliere la causale COVID_19 nazionale, non è obbligatorio allegare alcuna scheda causale, né  alcun accordo sindacale.

Quesito: Come scegliere il pagamento diretto?

Risposta: In domanda si può indicare il pagamento diretto, scegliendo il campo ‘Direttamente dall’INPS’.

Si precisa, in ogni caso,  che le domande di CIG in deroga sono tutte a pagamento diretto.

Dopo che la domanda verrà istruita ed emessa l’autorizzazione da parte della sede, l’azienda dovrà compilare il modello SR41 che spedirà tramite apposita piattaforma.

Il modello SR41 conterrà anche i dati bancari dei dipendenti.

Quesito: Cosa inserire nel “QUADRO E” della domanda, ore richieste per qualifica?

Risposta: Nel numero beneficiari: va indicato il numero totale di beneficiari per quella qualifica (somma del numero di persone full time e part-time per quella qualifica).

Le ore da integrare saranno pari al numero totale di ore richieste per quella qualifica, totale complessivo delle ore da integrare per il periodo richiesto di cassa.

Nel campo orario contrattuale andranno indicate le ore contrattuali settimanali per qualifica (per orario intero, non part time) come da contratto.

Quesito:  Come si compila il file csv?

Risposta: Nel  file csv vanno inseriti tutti i beneficiari in forza all’UP per i quali si richiede la prestazione sia in full time che in part time. Per i full time va indicato il valore 100,00 (100% part-tme).

Quesito: Per L’annullamento di una domanda già presentata,  dove si trova la relativa funzione  di annullamento domande Covid errate?

Risposta: Dal 15/4/2020 è disponibile la nuova funzionalità di annullamento online delle sole domande “pervenute” con causali COVID.

Individuare nella funzione “cerca esiti” le domande che si desiderano annullare e indicare la motivazione di annullamento.

Quesito: E’ possibile annullare una domanda già inviata contenente dati errati?

Risposta: Le domande in stato “in lavorazione” e le domande con causali non COVID (sia in stato “pervenute” che in stato “in lavorazione”) non possono essere annullate, bisogna presentare una nuova domanda.

Nel presentare la nuova domanda si  potrà scrivere un’annotazione , indicando che la presente domanda annulla e sostituisce la domanda per la stessa matricola con protocollo INPS...(inserire il protocollo della domanda non valida)

Quesito: Come gestire una domanda di FIS per un’azienda con matricola unica ma con più unità produttive?

Risposta: Non è possibile inviare una sola domanda, devono essere trasmesse le domande per ciascuna unità produttiva con lavoratori sospesi.

Quesito: Come stabilire se CIG Deroga o FIS? In particolare,  con riferimento all’invio di domande per assegno ordinario ex art. 30 D.Lgs.148/2015 (F.I.S.) occorrono informazioni in merito ad aziende iscritte all’Inps come “AZIENDA TENUTA AL VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI EX D.I. N. 94343/2016 (FONDO INTEGRAZIONE SALARIALE)” codice 0J, ma che non hanno più di n. 5 dipendenti.

Quesito: Come bisogna comportarsi con la prossima apertura on line delle domande e cioè richiedere assegno per fondo integrazione salariale oppure CIGD?

Risposta: Le aziende che pur avendo il codice 0J non occupano mediamente più di 5 dipendenti, e non essendo iscritte ad altri fondi di solidarietà, possono presentare domanda di cassa integrazione in deroga, dato che non trovano applicazione le tutele previste dalle disposizioni in materia di sospensioni o riduzioni di orario in costanza di rapporto di lavoro.

Quesito: Come devono inviare la domanda le aziende iscritte al Fondo FSBA?

Risposta: La domanda per FSBA deve essere fatta sul sito www.fondofsba.it e non sul sito INPS.

Sul sito INPS può essere richiesto il ticket Uniemens da abbinare alla domanda FSBA.

Per procedere con la richiesta, accedere al sito INPS e inserire nel campo “cerca” la frase ‘ticket Uniemens’.

Quesito: Come debbono essere creati i files SR41?

Risposa: Se il programma paghe con cui opera non dispone di una specifica funzionalità per produrre tale flusso, accedendo all’area di download all’interno dei Servizi per le aziende e i consulenti -> CIG e Fondi di Solidarietà -> Invio Richieste Pag.Dir SR41 è possibile scegliere tra i due programmi forniti per questa finalità dall’Istituto.

La piattaforma ISWeb è privilegiata per la corrispondenza grafica con il modello cartaceo, nel KIT CIG_SM l’elasticità e la rapidità di aggiornare i dati in un file di Excel.

La prima si adatta meglio ad aziende piccole, la seconda a quelle di maggiore dimensione;

Nell’area download è possibile trovare sintetici documenti descrittivi delle loro funzionalità.

Se il suo programma paghe produce un file SR41 in formato Excel, deve effettuare il download del kit CIG_SM: una volta salvata la cartella compressa sul computer, ed installato l’applicativo SM_CIG_PDF – eseguire il pacchetto di installazione, con estensione .MSI -, a questo punto è possibile selezionare l’opzione File -> Crea File CIG da file Excel e procedere al controllo del file compilato.

Quesito: Cosa indicare nel campo “Percentuale di riduzione”?

Risposta: La percentuale di riduzione si riferisce alla quota di riduzione della prestazione erogata ed è esclusiva di specifiche realtà aziendali identificate da leggi finanziarie emanate nel corso degli anni: nel caso specifico inserire il codice 00.

Quesito: E’ possibile indicare un IBAN estero?

Risposta: Nei files SR41 possono essere indicati solo IBAN italiani. In alternativa può essere indicato in “Localizzazione pagamento” il carattere “L”, e la prestazione sarà erogata con un assegno postale nominativo al beneficiario.

Quesito: Come inserire orari di lavoro settimanali nel file SR41?

Risposta: Presenza di lavoratori part-time – tutti gli orari da indicare negli SR41 sono orari contrattuali a tempo pieno, e non sono previste codifiche particolari per il part time.

Quesito: Come trasmettere i files SR41?

Risposta: L’invio delle richieste di pagamento diretto (SR41 in formato TXT) deve essere effettuato dalla specifica funzione presente all’interno dei Servizi per le aziende e i consulenti -> CIG e Fondi di Solidarietà -> Invio Richieste Pag.Dir SR41

Non è ammesso l’invio di moduli cartacei, immagini o allegati pdf del modulo SR41.

Nella pagina Esiti, la ricevuta e l’elenco dei beneficiari saranno disponibili per la stampa il giorno  dopo all’invio del file SR41, successivamente alla protocollazione del file .

Quesito: Come superare l’errore “Data fine periodo di integrazione maggiore di data odierna”?

Risposta: I files SR41 sono a consuntivo, e possono essere inviati esclusivamente per periodi pregressi. Vanno trasmessi per mensilità di competenza.

Quesito: Come superare l’errore “Sede competente non valida”?

Risposta: Nel record aziendale del file SR41 dovrà essere indicata la “SEDE DI COMPETENZA DEL SUPPORTO”, e dovrà coincidere con la Sede che emetterà il pagamento e che ha emesso l’autorizzazione, Sede individuata  nei primi quattro numeri dell’autorizzazione stessa.

Quesito: Recupero della prestazione in caso di erogazione indebita dell’anticipo del 40% - Il recupero deve essere effettuato dal datore di lavoro? O è l’INPS a  richiede gli importi al dipendente

Risposta: Il recupero viene fatto dall’INPS nei confronti del datore di lavoro.

Quesito: Se il lavoratore fosse cessato e ci fosse un recupero, provvede l’INPS?

Risposta: Si provvederà l’Inps ma verrà richiesto sempre al datore di lavoro.

Quesito: La CU per gli importi erogati a titolo di anticipo sul pagamento diretto della cassa integrazione in deroga la rilascia l’INPS?

Risposta: No, le somme erogare a titolo di anticipo sono  fiscalmente considerate come un prestito, quindi sono tassate solo al momento del saldo per l’intero importo effettivamente spettante.

Quesito: SR41 in caso di anticipo

Per chi fa un modello sr41 per singolo per mese, sebbene la domanda sia su più mesi ma la domanda è sempre la stessa,la richiesta del 40% deve sempre fatta in relazione al singolo modello sr41?

Risposta: L’SR41 in caso di anticipo del 40% dovrà essere unico per l’intero periodo richiesto in domanda.

Quesito: richiesta delle prime 9 settimane.Per i datori di lavoro che non hanno completato le 9 settimane, devono richiedere sempre prima la parte restante delle 9 e successivamente le altre 5 o sarà possibile cumularle e ricevere un’unica autorizzazione?

Risposta: Si avranno due autorizzazioni distinte.

Quesito: Le aziende che hanno utilizzato un numero di settimane maggiore di 8 ma inferiore a 9 (es. 8,50), come si devono comportare? devono richiedere quei giorni mancanti?

Risposta: Ai fini della richiesta di CIG in deroga all’INPS delle ulteriori 5 settimane si considera l’autorizzato e non il fruito.

 

Condividi questo articolo