Esonero contributivo alternativo a CIG Covid – settori artigianato e somministrazione

Il messaggio n. 1956 pubblicato il 17 maggio 2021 dall’INPS fornisce chiarimenti in merito alla possibilità di applicazione dell’esonero contributivo introdotto dal Decreto 104/2020 per ridurre il ricorso ai trattamenti di integrazione salariale con causale Covid 19. In particolare, la norma ha concesso un esonero dal versamento dei contributi previdenziali alle aziende che abbiano deciso di non ricorrere agli ammortizzatori sociali Covid 19 previsti dal Decreto 104/2020 dopo aver, invece, attinto alle risorse messe a disposizione dai decreti precedenti. Come già precisato nelle circolari operative dell’Istituto, rientrano tra i destinatari della misura anche i datori di lavoro che abbiano richiesto periodi di integrazione salariale ai sensi del Decreto Legge n. 18/2020, collocati, anche parzialmente, in periodi successivi al 12 luglio 2020.

Con specifico riferimento ai datori di lavoro rientranti nel campo di applicazione dei Fondi di solidarietà alternativi (Artigianato e Somministrazione), il messaggio INPS in argomento chiarisce il criterio da adottare per il riconoscimento o mento dell’esonero contributivo ai datori di lavoro destinatari dei Fondi di Solidarietà Alternativi (Artigianato e Somministrazione), i cui periodi di cassa trattamento integrativo non sono stati definiti da una domanda né da un’autorizzazione diretta da parte dell’INPS.

Per dette aziende è necessario individuare la precisa decorrenza temporale delle integrazioni salariali rispetto alla successione di norme che hanno disciplinato le tutele per la pandemia da Covid-19. Possono dunque accedere all’esonero contributivo in argomento i datori di lavoro che abbiano fruito del numero di settimane compatibili con i limiti disposti dai decreti-legge n. 18/2020 e n. 34/2020 (9+9 settimane) prima del 15 agosto 2020 (data di entrata in vigore del Decreto Legge n. 104/2020) per periodi collocati in data antecedente il 15 agosto e, senza soluzione di continuità, a cavallo del 13 luglio 2020.

Condividi questo articolo