Fringe benefits - importo raddoppiato anche per il 2021

Il Decreto Sostegni (DL n. 41/2021) è stato convertito in Legge con emendamenti. Tra le importanti novità si segnala che anche per il 2021, il legislatore ha disposto il raddoppio del limite di esenzione dei fringe benefit aziendali.

L’art. 6-quinquies modifica quindi le disposizioni contenute nel TUIR prevedendo che, limitatamente ai periodi d'imposta 2020 e 2021, il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati dall’azienda ai lavoratori dipendenti non concorre alla formazione del reddito se, nel periodo di imposta, non supera 516,46 €.

Si ricorda che nel caso in cui il valore dei fringe benefit complessivamente erogati al dipendente dovesse superare detta soglia, l’intero valore concorrerà alla formazione del reddito.

Condividi questo articolo