Sicurezza sul lavoro - obblighi e sanzioni per il datore

Il ministero del lavoro ha risposto ad un interpello proposto dalla regione Friuli, fornendo preziosi chiarimenti in materia di sicurezza sul lavoro.  

In particolare, il proponente chiedeva informazioni in merito all’obbligo, per il datore di lavoro, di assicurare una idonea formazione a tutti i lavoratori chiamati ad utilizzare attrezzature caratterizzate da un rischio specifico.  

L’art. 71 del D. Lgs. 81/2008 prevede che il datore sia responsabile di garantire una formazione che permetta al lavoratore di utilizzare in modo idoneo e sicuro, anche nei confronti di terzi, le attrezzature che, per essere utilizzate, necessitino di competenze e conoscenze specifiche.  

L’art. 87 dello stesso decreto prevede inoltre delle sanzioni (arresto da tre a sei mesi oppure ammenda da 2.500 e 6.400 euro) per il datore di lavoro che non si adoperi o affinché tali attrezzature siano utilizzate esclusivamente da lavoratori abilitati a farlo.  

 

La domanda rivolta al ministero del lavoro era dunque volta a capire se tali sanzioni fossero applicabili al datore di lavoro anche nel caso in cui egli stesso, privo di idonea abilitazione, si fosse trovato a dover utilizzare le suddette attrezzature.  

A parere della commissione chiamata a rispondere, il datore è passibile di sanzione solo nel caso in cui sia il lavoratore, e non anche il datore stesso, a maneggiare attrezzature con rischio specifico senza avere le conoscenze necessarie per poterlo fare.  

Condividi questo articolo