Consulente del lavoro dal 1981

Pubblicata la legge che tutela le persone già affette da malattia oncologica nell’accesso al lavoro

Negli ultimi tempi si è molto discusso in merito alle discriminazioni cui sono soggette le persone che sono state affette da malattie oncologiche, e ciò vale con riferimento ai più vari tipi di diritti e ambiti di vita, dall’accesso ai mutui, alla possibilità di richiedere adozioni, all’importo dei premi assicurativi.

È emersa, dunque, una chiara esigenza di tutela a cui il Parlamento ha dato risposta con la legge n. 193 del 7 dicembre 2023, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 18 dicembre 2023.

L’impianto della nuova legge si basa sul “diritto all’oblio oncologico” ossia:

il diritto delle persone guarite da una patologia oncologica di non fornire informazioni né subire indagini in merito alla propria pregressa condizione patologica” nei casi previsti dalla legge.

Tale tutela è stata declinata anche nell’ambito del diritto del lavoro e, specificamente, in termini di diritto di accesso al lavoro, che l’ordinamento riconosce e tutela a livello costituzionale, anche in termini di non discriminazione.

L’articolo 4 della nuova legge, infatti, prevede che, quando per l’accesso a procedure concorsuali e selettive, pubbliche o private, sia previsto l’accertamento di requisiti psico-fisici o comunque concernenti lo stato di salute dei candidati:

“è fatto divieto di richiedere informazioni relative allo stato di salute dei candidati medesimi concernenti patologie oncologiche da cui essi siano stati precedentemente affetti e il cui trattamento attivo si sia concluso, senza episodi di recidiva, da più di dieci anni alla data della richiesta”.

Il periodo di dieci anni nel quale vengono considerate eventuali recidive è ridotto a cinque ove la malattia sia insorta prima dei ventun anni.

Il Legislatore comunica infine che verrà adottato, entro sei mesi, un decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro della salute, che potrà promuovere specifiche politiche attiveper assicurare, a ogni persona che sia stata affetta da una patologia oncologica, eguaglianza di opportunità nell’inserimento e nella permanenza nel lavoro, nella fruizione dei relativi servizi e nella riqualificazione dei percorsi di carriera e retributivi”.

Centro Studi | Studio Cassone

Centro Studi | Studio Cassone

Il Centro Studi dello Studio Cassone è composto da un team di professionisti appassionati, dediti alla ricerca e alla condivisione delle informazioni così da garantire un aggiornamento costante del personale ed essere sempre un passo avanti.

Leggi anche